Negrebreen

NEGREBREEN / STORFJORD

 

Ciò che fa l’uomo è l’orizzonte: quello dei flutti e quello delle creste, quello che si vede e quello che si indovina,

quello della terra e quello del sogno. L’orizzonte mostra a ciascuno la scelta. Ci sono l’orizzonte che si accetta e quello che arretra. e il limite dei suoi bisogni e delle sue capacità. L’uno è sterile ed esiste. L’altro non è che un’idea ed è fecondo. L’uno e l’altro hanno la relatività dello spirito e quella dell’istante.

Jean Favier

 

Negrebreen

 

Cookies

© Mirimmago 2021 di Miriana Bonazza