Lhasa
Tibet

Della mitica capitale del “Paese delle Nevi” rimane ben poco, uno scempio architettonico dimostra di non volere tenere conto della storia tibetana e la volontà di cancellare le vestigia di una cultura antica di oltre quindici secoli.

- Il Potala - Era il cuore pulsante del Tibet e il punto di riferimento religioso, sociale e culturale di tutto lo sterminato Paese; ora il Potala e un museo che tutti possono visitare : i tibetani con nostalgia e devozione, i turisti trascinati da una sala all'altra perché la visita di alcune stanze deve essere effettuata rigorosamente in un'ora.

- Il Barkhor - L'unico quartiere che ha finora mantenuta integra l'architettura dell'antico Tibet sorge intorno al tempio del Jokhang , con le tipiche case tibetane a due piani, gli stretti vicoli e lo straordinario mondo dell'umanità tibetana, colmo di sacralità e vitalità. Purtroppo però anche qui sono incominciate molte “ristrutturazioni”  e sta sparendo la magica atmosfera di un tempo, anche a causa della costante sospettosa presenza della polizia.

- Il Jokhang - Il Monastero del Jokhang, il più venerato luogo di culto del Tibet, avvolto dai fumi d'incenso, nel cui cortile i pellegrini  si prostrano ripetutamente tanto da aver lucidato  le grosse pietre del selciato.

- Il Norbulinka -  Il Palazzo d'estate, residenza estiva dei capi spirituali del Tibet, emana un fascino meno intenso degli altri splendidi monumenti di Lhasa; probabilmente perché è stato pesantemente danneggiato dai bombardamenti dopo la fuga del XIV Dalai Lama che proprio da qui partì in gran segreto – travestito da soldato – verso il confine indiano.

Lhasa

 

Cookies

© Mirimmago 2021 di Miriana Bonazza